Patente a punti: chi paga la multa principale non deve riceverne un’altra per non aver comunicato i dati della patente

Colui che paga la multa principale (nel caso di tratti di un verbale per un’infrazione che prevede la decurtazione dei punti-patente) non deve riceverne un’altra per non avere comunicato i dati della sua patente. L’automobilista che paga la sanzione accetta tacitamente l’intero verbale e quindi si “autodenuncia” come responsabile dell’infrazione. Interessante sanzione che potrebbe fare giurisprudenza.

patente_di_guida.jpgIl giudice di pace di Fasano (Brindisi), con la sentenza 436/13, stabilisce che non paga la seconda sanzione (quella relativa all’omessa cominicazione dei dati patente) l’automobilista che aveva oltrepassato un incrocio con il semaforo rosso se non ha comunicato i dati patente di chi si trovava alla guida in quel momento, ma aveva optato per pagare la sanzione principale (quella relativa al passaggio col semaforo rosso). In questo caso, rileva il giudice, il trasgressore si dimostra acquiescente all’intero processo verbale redatto e, dunque, anche rispetto all’obbligo di fornire informazioni sui dati del conducente: in altre parole, chi paga dopo essere stato “pizzicato” dal photored e la contestazione gli viene differita, si riconosce come effettivo responsabile della violazione e quindi si assoggetta al taglio dei punti sulla patente.

Nel caso di specie, il giudice di pace ha accolto il ricorso presentato da un automobilista, condannando l’ente accertatore al pagamento del contributo unificato, ed ha rilevato come il pagamento della sanzione costituisca l’ammissione di responsabilità rendendo irripetibili le somme versate a titolo di sanzione.

Per il magistrato brindisino, il Comune avrebbe dovuto procedere al taglio dei punti dalla patente del trasgressore che ha versato la somma con ciò rinunciando espressamente a opporsi al verbale. La sostituzione della sanzione pecuniaria a quella personale, infatti, può azionarsi soltanto quando il proprietario del veicolo non ha consentito in alcun modo di accertare il responsabile dell’illecito; né all’organo accertatore è riconosciuto alcun potere discrezionale nell’applicazione della prima sanzione in luogo dell’altra.

 

 

Patente a punti: chi paga la multa principale non deve riceverne un’altra per non aver comunicato i dati della patenteultima modifica: 2013-07-16T20:48:18+02:00da emiliano75rm
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Patente a punti: chi paga la multa principale non deve riceverne un’altra per non aver comunicato i dati della patente”

Lascia un commento